Prodotti carbolight: il claim di geniunità disatteso dagli ingredienti in etichetta


Una signora mi scrive per sapere cosa penso di questi prodotti e cosi li scopro per la prima volta dal sito http://www.mariettacostruzionimetalliche.com. La prima cosa che mi colpisce è l’indirizzo, mi chiedo cosa c’entrino le costruzioni metalliche con un sito che si occupa di alimenti per la salute. Non mi soffermo sulle formalità e vado avanti.

La pagina iniziale è piena di buone premesse, contiene frasi di celebri scrittori “Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte (François de La Rochefoucauld), ma anche claim, del tipo “ Star meglio, avere un corpo più tonico e modellato, perdere il peso in eccesso o migliorare nel proprio sport… la risposta è sempre stata molto semplice: CARBOLIGHT AMATI MANGIANDO . e si va avanti con altri giuste considerazioni:

 è assolutamente necessario cambiare qualcosa nella propria alimentazione, limitare alcuni alimenti e modificare le proprie abitudini nell’ottica di un miglioramento non solo estetico, ma della propria salute in generale. È il problema del XXI secolo. Finora per migliorare la propria alimentazione bisognava eliminare alcuni alimenti, i cibi più amati, quelli che soddisfano il palato, da cui ormai la maggior parte delle persone è dipendente. Complice anche l’industria, a prezzo anche, purtroppo, del benessere e della salute. La dieta ideale sarebbe potersi nutrire in modo corretto senza fare rinunce.  Ciò che sembrava impossibile oggi è realtà. La sfida è stata raccolta da CARBOLIGHT LIGHTFLOW, una linea completa di “tecnoalimenti” assolutamente rivoluzionari. Allora letto questo,  entro nel sito e immagino di trovare tutti ingredienti di qualità e sopratutto la famosa fogliolina verde o il marchio OGM free, e invece?  Sul fatto che siano biologici o OGM free nella scheda prodotto disponibile on line,  in realtà non trovo indicazione, mentre trovo prodotti da forno con glutine aggiunto, e nel caso del pane e delle fette biscottate,  è il primo ingrediente, quindi il più abbondante, e sappiamo che il glutine è infiammatorio e non esercita un gran effetto sul  microbiota intestinale, che è la sede principale dello stato di salute ma anche della tendenza ad ingrassare, se i batteri che lo colonizzano, sono quelli dannosi. E come si selezionano le specie dannose? con alimenti scorretti, con ingredienti di pessima qualità, contaminanti, basso apporto di fibre vegetali ( verdura, legumi, cereali integrali) e alimenti infiammatori come il glutine… E andiamo avanti, grassi di palma – che molte industrie accusate nel sito di pessima qualità hanno già tolto-crusca di frumento o soia, che sono entrambi irritanti per l’intestino, sucralosio, uno zucchero artificiale, di cui ho già parlato, sul cui utilizzo ci sono forti dubbi. In uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Toxicology and Environmental Health,  si evidenzia che uno dei principi attivi contenuti nel il sucralosio (o E955),   può limitare gli effetti dei farmaci, alterare la flora batterica intestinale benefica e alterare la secrezione ormonale. Alle concentrazioni tipicamente utilizzate in alimenti e bevande, il sucralosio elimina i batteri benefici nel tratto gastrointestinale, con un minore effetto sui batteri patogeni. Poichè è noto che  la modifica nell’equilibrio dei batteri gastrointestinali è stata associata a un aumento di peso e obesità, questo dolcificante non sembra essere utile, anzi il contrario, per la perdita di peso come evidenziato dal claim ( Gli alimenti della linea CARBOLIGHT, ricchi di proteine e fibre, permettono di mantenere la massa muscolare, si percepisce un’aumentata vitalità, energia e lucidità. Risultato: una riduzione del giro vita e della ritenzione idrica arrivando, grazie anche ai liquidi espulsi, a perdere fino a 4-5 Kg (e relativi centimetri) già dopo una settimana).  A livelli elevati, poi, il sucralosio può causare anche danni al DNA. E, sempre secondo lo studio, questi effetti biologici si verificano con l’assunzione del sucralosio ai livelli attualmente approvati dalle agenzie di regolamentazione per l’uso nella catena alimentare. Qualche studio suggerisce che nella cottura il sucralosio formi un composto tossico, il cloropropanolo. E un altro studio ancora sottolinea come questi dolcificanti artificiali possano in realtà agire negativamente sulla risposta insulinica e tolleranza al glucosio, inducendo in realtà obesità, sindrome metabolica e diabete, alterando molto il gusto del dolce, potenziandolo a causa del maggior potere dolcificante rispetto allo zucchero di canna. Non va certo meglio se utilizziamo lo sciroppo di glucosio-fruttosio che troviamo nei cracker lowcarb come nella maggior parte dei prodotti industriali purtroppo ( ma non erano tutti ingredienti di qualità e a basso indice glicemico?) E sull’effetto dello sciroppo di glucosio-fruttosio ho già scritto diverso tempo fa ( https://www.renataalleva.it/enervit-protein-a-dispetto-del-nome-il-primo-ingrediente-e-lo-sciroppo-di-fruttosio)  I cracker sono l’immagine del peggior prodotto che potremmo trovare visto che tra gli ingredienti troviamo, glutine, sciroppo di glucosio-fruttosio disidratato, olio vegetale e grasso  di palma in polvere, glucosio, crusca.

Un occhio ai valori nutrizionali:  nonostante il claim del basso indice glicemico, nei valori nutrizionali sono sempre riportati i valori dei carboidrati totali e non la suddivisione in oligosaccaridi ( ossia zuccheri semplici, obbligatorio per la legge sulle etichettature). Questa è una indicazione importante perchè un prodotto deve avere pochi zuccheri semplici per essere considerato a basso IG, indicazione che è mancante, come manca il peso del singola porzione ( i valori vengono dati per 100 g di alimento.

Cosa serve per perdere peso? Un corretto stile di vita movimento una corretta alimentazione, non solo negli apporti calorici, ma sopratutto nella qualità alimentare. L’intestino è importantissimo e va nutrito con ingredienti di qualità, non di sintesi, per lo più di derivazione vegetale, possibilmente  di agricoltura biologica, perchè i pesticidi che introduciamo attraverso il cibo,  vengono metabolizzati in parte dall’intestino, dove possono creare disbiosi. Per proteggere dalla disbiosi,  è dimostrato che una alimentazione basata su  cereali integrali, verdure  e legumi, è fondamentale  per la produzione di acido butirrico, un acido grasso antiinfiammatorio, che non solo serve ad alimentare i batteri buoni e ridurre il rischio di una disbiosi, ma anche a modulare la risposta immunitaria generale, svolgendo un ruolo importante sulla salute. Inoltre scegliendo cereali integrali e antichi in chicco o macinati a pietra, abbiamo il vantaggio di avere un basso indice glicemico vero, e anche qualche antiossidante in più ( polifenoli dei grani antichi, Dinelli et al. J Chromatogr A. 2011 Oct 21;1218(42):7670-81.) 

 La qualità alimentare svolge un ruolo importante non solo sulla salute ma anche sul mantenimento del peso corporeo: non affidiamoci ai miracolosi alimenti che cosi miracolosi non sono, mentre in termini di qualità certamente difettano molto. (“Gli alimenti Carbolight Lightflow a basso indice glicemico, poveri di grassi e zuccheri, consentono di perdere solo i grassi e salvaguardare la massa magra. Questo perché la pasta, il pane e i dolci CARBOLIGHT permettono al corpo di trarre energia principalmente dai grassi, con un conseguente dimagrimento e elevato stato di salute: scompaiono i picchi glicemici e quindi anche il superlavoro del pancreas. E non solo. Gli alimenti della linea CARBOLIGHT, ricchi di proteine e fibre, permettono di mantenere la massa muscolare, si percepisce un’aumentata vitalità, energia e lucidità. Risultato: una riduzione del giro vita e della ritenzione idrica arrivando, grazie anche ai liquidi espulsi, a perdere fino a 4-5 Kg (e relativi centimetri) già dopo una settimana”). Alla prossima! 

 


Regulatory Toxicology and Pharmacology 63 (2012) 505–508

Trends Endocrinol Metab. 2013 Sep;24(9):431-41.
J Toxicol Environ Health B Crit Rev. 2013 Sep; 16(7): 399–451.
Precedenti ORA SI Bevanda alle noci: una novità che però ha zucchero e aromi tra gli ingredienti
Nuovi Spaghetti Senator Cappelli ai pomodorini, cipollotti e olive taggiasche in pesto di rucola e pinoli

3 Commenti

  1. Franz
    27/05/2017
    Rispondi

    Per non parlare poi dei prezzi di questi prodotti, hanno trovato il modo di vendere la pasta a 40€/Kg, i crackers pure. Poi hanno pure il coraggio di venirti a raccontare che mangiando i loro alimenti risparmi soldi rispetto all’alimentazione tradizionale.

  2. Alfonso
    10/07/2017
    Rispondi

    La vera filosofia alimentare penso ci sia quasi completamente sconosciuta, il cosiddetto benessere ci ha fatto perdere il senso d’orientamento. >Il corretto mangiare non è dieta mediterraneo o altre, sta di fatto che comunque qui si parla di prodotti creati per il profitto a tutti i costi, e gente affamata di denaro che li vuole vendere, ho avuto occasione di sentire alcuni venditori, già magri di natura elencarmi i benefici avuti, ho visto persone in sovrappeso talmente convinte da non accorgersi del loro peggioramento.

    • 19/07/2017
      Rispondi

      Diciamo che più che di corretto mangiare, se parliamo di prevenzione e benessere è giusto dire “corretto stile di vita”, in cui si include attività fisica, fumo, stress, e alimentazione, che certamente ha un ruolo importante. Il prodotto miracoloso non esiste, ma esiste conoscenza consapevolezza e buonsenso. Chi si affida alle pozioni magiche è ben lungi dal raggiungiemnto del benessere, secondo me.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *