Leggere sempre l’etichetta: ma quando sono illeggibili che fare?


A proposito di etichette nutrizionali oggi voglio parlare di Fruttolo della Nestlè. Il prodotto è ovviamente rivolto ai bambini che appunto non hanno ancora l’ètà adatta per capire le etichette e gli ingredienti, per cui questo compito è affidato ai genitori.  Si può osservare che gran parte degli ingredienti sono scritti in uno sfondo scuro  o di colore rosa con caratteri piccolissimi, in modo da percorrere tutta la confezione e mettere a dura prova la pazienza di chi vorrebbe leggere gli ingredienti, che vista la difficoltà di decifrarli tutti, si arrende  e lo mette comunque nel carrello.  Per leggerla ho dovuto scannerizzare l’etichetta  ed ingrandirla : cosi posso vedere  cosa  contiene Fruttolo.  Questa è la lista di ingredienti che trovate: Yogurt (latte fermenti lattici) lactobacillus bulgaricus, streptococco termophilus,  confetti ripieni di cioccolato al latte, confetti ripieni di cioccolato al latte 16,7% (zucchero, pasta di cacao siero di latte in polvere, farina di frumento, burro anidro, burro di cacao latte scremato in polvere amido agenti di rivestimento (gomma lacca, cera di carruba, cera d’api) emulsionante (lecitina di soia), concentrati di vegetali e di frutta (cartamo, ravanello, ibisco cavolo rosso e carota nera) concentrato di spirulina, grasso vegetale, sciroppo di zucchero invertito, preparazione di fragole 6.7 % (purea di fragole 3,8% del prodotto finito, fruttosio, amido concentrato di minerali del latte, aromi, colorante (rosso di barbabietola, vitamina D), zucchero. Provate a contare quante volte compare la parola zucchero come tale o affini ( sciroppo di zucchero, fruttosio)   e leggete che percentuale di frutta c’è nel prodotto il 3,8% a prodotto finito: certo per chiamarlo Fruttolo ci aspetteremmo che almeno il 50% del prodotto sia frutta invece è un concentrato di tanti ingredienti tra cui il famoso grasso vegetale, non meglio dichiarato ma che potrebbe essere olio di palma o di cocco, entrambi grassi di scarsa qualità e sospetti per favorire alcune patologie. Andiamo a vedere i valori nutrizionali: su un apporto calorico di 144 kcal per confezione di 120 g sono presenti 25,9 g di zuccheri complessivi , di cui 24,0 g sono zuccheri semplici e 6,5 g di grassi di cui 4.9 sono grassi saturi, poco salutari. In definitiva una merendina molto ricca di zuccheri e grassi e ricca di ingredienti non meglio specificati ma definiti come aromi, che senza altra specifica sono di sintesi e non naturali. L’unico aspetto positivo è che c’è un apporto di calcio  e vitamina D. Ma davvero non c’è qualcosa di meglio? Da nutrizionista propongo come alternativa uno yogurt bianco, con un cucchiaino di miele e frutta fresca di stagione e rigorosamente di agricoltura biologica. Un commento finale: la nuova normativa sulla etichetta alimentare uscita impone dei nuovi criteri di leggibilità, per cui etichette del genere non se ne dovrebbero più vedere, ma poiché ci saranno alcuni anni di tempo per l’adeguamento, noi consumatori possiamo tutelarci scegliendo solo prodotti con etichette leggibili e con pochi ingredienti .

Precedenti Mangiare BIO: una scelta per la salute e l’ambiente
Nuovi Grassi vegetali: il consumo di olio palma aumenta il rischio di morte per patologie ischemiche

Nessun Commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *