Esposizione cronica ai pesticidi e danni al DNA: risultati dello studio in Val di Non


Iniziato  a novembre 2014 e concluso a Maggio 2015, lo studio mirato a monitorare l’esposizione cronica di un gruppo di residenti in Val di Non si è concluso.  Effettuato in 3 step, i volontari sono stati valutati in periodi diversi dell’anno definiti di  bassa, nulla, e alta esposizione,  sulla base del bollettino ufficiale per i trattamenti annuali consentiti. Lo studio è stato mirato a trovare una correlazione tra trattamenti con pesticidi e danni al DNA cellulare dei volontari e i risultati saranno presentati in occasione di una serata a Cles, il 18 Marzo 2016. Patrocinato dal PAN, e da ISDE l’evento è organizzato dal comitato per la salute della Val di Non. 

Precedenti I polifenoli del Miele riducono i danni al DNA indotti da pesticidi: 16 Marzo 2016 a Milano presentazione dello studio
Nuovi Mense scolastiche: ecco cosa può cambiare in termini di salute dei bambini e dell'ambiente in cui vivono

1 Commento

  1. Francesco
    04/03/2016
    Rispondi

    Bello e tristemente istruttivo. Non c’è dubbio che molti dei nostri malanni sia il frutto di alimenti contraffatti …

Rispondi a Francesco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *